Itinerari

Gli Ebrei e i Discendenti Grecanici

Ebrei: Una testimonianza notevole della loro presenza si trova, a Bova Marina, nei ruderi e nel piccolo Antiquarium della Sinagoga. Un frammento di iscrizione ebraica si può leggere a Gerace.

Discendenti grecanici: a Bova Marina c’è la loro presenza viva, nella lingua, nelle tradizioni artigianali e musicali e nei moderni spettacoli di teatro e musica. Informazioni su di loro si possono acquisire anche nel Museo di Bova Marina. Una chicca è l’iscrizione bilingue, in grecanico (opera dell’appassionato ricercatore bovese, il compianto  Salvatore Mesiano) ed in italiano (dettata dal benemerito compianto dottore Amerigo Degli Atti, direttore dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Reggio Calabria), apposta a Gerace nel 1970 sulla facciata della casa di Carmine Rodinò, glorioso custode delle antichità geracesi, per onorarne la memoria, in occasione del Primo Incontro di Studi Bizantini

 

I LUOGHI DELL’ITINEARIO

 


    Bova Marina
    Un sito archeologico di eccezionale rilevanza, data la sua rarità, si trova in località San Pasquale. Nel luogo dove sorgeva la romana Scyle – citata dalla Tabula Peutingeriana, la mappa stradale per antonomasia dell’antichità – e la mitica Delia ( o Deri ) della tradizione, è stato istituito, di recente, il Parco Archeologico Archeoderi, comprendente la Sinagoga del IV° secolo d.C. ( seconda per antichità in Occidente dopo quella di Ostia antica), con il suo mosaico raffigurante i piu’ importanti simboli ebraici: la menorah, il corno d’ariete, il cedro, il nodo di Salomone, ecc… ); all’interno dell’Antiquarium sono custoditi importanti reperti rinvenuti in varie località del territorio bovese, appartenenti ad epoche diverse che documentano 9000 anni di storia e che risalgono al VII° millennio a.C. . L’Antiquarium oltre ad esporre manufatti di epoca Neolitica ( come sopra descritti ), presenta reperti di epoca greco-romana, insieme a rarissimi ritrovamenti giudaici provenienti dal sito sinagogale : anfore, monete, lucerne, ecc…

    Vai alla pagina


     

    Lascia un commento